La somministrazione non invasiva di luce proveniente da una fonte di luce esterna (laser o LED) alla testa e di conseguenza al cervello viene comunemente chiamato Fotobiomodulazione transcranica (tFBM). Questo metodo prevede il passaggio della luce attraverso una serie di strati che includono lo scalpo, il periostio, le ossa del cranio, le meningi e la dura madre, raggiungendo parzialmente la superfice corticale cerebrale.

Data l’esponenziale attenuazione della luce durante il tragitto attraverso lo scalpo e i tessuti cerebrali, la dose massima (una piccola frazione della luce incidente) viene fornita a quei neuroni localizzati nello strato più esterno della corteccia. Inoltre, sarà presente un ulteriore gradiente di penetrazione della luce all’interno della corteccia così che un certo numero di neuroni assorbirà una dose adeguata di luce.

La penetrazione della luce a livello tissutale dipende da diversi parametri ottici come la lunghezza d’onda, l’irradiazione, il tempo di esposizione, l’area esposta, la coerenza e la struttura pulsante. Diversi fattori anatomici e fisiologici contribuiscono alla penetrazione della luce nella testa inclusa la geometria individuale della testa e la composizione tissutale. Inoltre, la varietà nella distanza della corteccia dallo scalpo per le diverse regioni cerebrali (ad esempio, le aree frontali hanno una distanza minore rispetto alle aree parietali e mediali) può inficiare la profondità di penetrazione della luce.

Cerebro ha studiato brevettato e realizzato un caschetto denominato NIR, di alta innovazione tecnologica, certificato CE elettromedicale classe IIa, particolarmente indicato per ostacolare i processi d’invecchiamento del metabolismo cerebrale e di Neuroinfiammazione.

La metodica NIR può essere utilizzata a supporto di trattamenti riabilitativi per contrastare e diminuire la neuroinfiammazione, migliorando a sua volta la sintomatologia cognitiva, che si traduce come segnale di alcune patologie neuronali di tipo infiammatorio. Il tutto volto anche a fornire un miglioramento della qualità della vita delle persone. 

Se sei un professionista in ambito sanitario e sei interessato a saperne di più, scrivici a segreteria@cerebrostartup.it

The non-invasive administration of light from an external light source (laser or LED) to the head and consequently to the brain is commonly called Transcranial Photobiomodulation (tFBM). This method involves the passage of light through a series of layers including the scalp, periosteum, skull bones, meninges and dura mater, partially reaching the cerebral cortical surface.

Given the exponential attenuation of light during the passage through the scalp and brain tissue, the maximum dose (a small fraction of the incident light) is given to those neurons located in the outermost layer of the cortex. In addition, there will be an extra gradient of light penetration into the cortex so that a number of neurons will absorb an adequate dose of light.

Light penetration at the tissue level depends on several optical parameters such as wavelength, irradiation, exposure time, exposed area, coherence and pulsating structure. Various anatomical and physiological factors contribute to light penetration into the head including individual head geometry and tissue composition. In addition, the variety in the distance of the cortex from the scalp for different brain regions (e.g., the frontal areas have a shorter distance than the parietal and medial areas) can affect the depth of light penetration.

Cerebro has studied, patented and developed a helmet called NIR, with high technological innovation, CE electromedical class IIa certificate, particularly suitable to hinder the aging processes of cerebral metabolism and Neuroinflammation.

The NIR method can be used to support rehabilitative treatments to counteract and decrease neuroinflammation, in turn improving cognitive symptoms, which is translated as a signal of some inflammatory neuronal diseases. All this also aims to provide an improvement in people’s quality of life. 

If you are a health professional and you are interested in learning more, write to segreteria@cerebrostartup.it

Approfondimenti

In questo video vengono descritti gli effetti e le azioni che la metodica NIR ha sui nostri processi di memoria e di apprendimento.
La metodica NIR è dimostrata essere di notevole aiuto in ambito sportivo e qui vi spieghiamo perchè lo è anche nella gestione dello stress ossidativo.
La metodica NIR sviluppata e brevettata da Cerebro è di valid aiuto in ambito sportivo e di sostegno all’attività fisica dell’atleta.

Insights

This video describes the possibile use of NIR in enhancing Learning Processes.
This video explains the role of Oxidative Stress while practicing Physicall Activity and the role of NIR to prevent cell damage
This video explains the benefits of NIR in physical activity for athletes and not.
Condividi