Ritenuta la straordinaria necessità e urgenza di contenere gli effetti negativi che l’emergenza epidemiologica COVID-19 sta producendo sul tessuto socio-economico nazionale, il decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 110 del 29 aprile e noto come provvedimento “Cura Italia”, coordinato con la legge di conversione 24 aprile 2020, n. 27 , prevede misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale, della protezione civile e della sicurezza, nonché di sostegno al mondo del lavoro pubblico e privato ed a favore delle famiglie e delle imprese.

Un posto di assoluto rilievo nell’economia del decreto-legge è riservato al rafforzamento delle risorse strumentali del Servizio sanitario nazionale nel contrasto all’epidemia da COVID-19. Tra le varie previsioni introdotte segnaliamo le seguenti:

Art. 43
(Contributi alle imprese per la sicurezza e potenziamento dei presidi sanitari)

1. Allo scopo di sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, a seguito dell’emergenza sanitaria coronavirus, l’Inail provvede entro il 30 aprile 2020 a trasferire ad Invitalia l’importo di 50 milioni di euro da erogare alle imprese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale, a valere sulle risorse già programmate nel bilancio di previsione 2020 dello stesso istituto per il finanziamento dei progetti di cui all’art.11, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008 , n. 81.

Art. 122
(Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID -19)

1. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri è nominato un Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e contrasto dell’emergenza
epidemiologica COVID -19, di cui alla delibera del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020. Al fine di assicurare la più elevata risposta sanitaria all’ emergenza, il Commissario attua e sovrintende a ogni intervento utile a fronteggiare l’emergenza sanitaria, organizzando, acquisendo e sostenendo la produzione di ogni genere di bene strumentale utile a contenere e contrastare l’emergenza stessa, o comunque necessario in
relazione alle misure adottate per contrastarla, nonché programmando e organizzando ogni attività connessa, individuando e indirizzando il reperimento delle risorse umane e strumentali necessarie, individuando i fabbisogni, e procedendo all’ acquisizione e alla distribuzione di farmaci, delle apparecchiature e dei dispositivi medici e di protezione individuale.

Cerebro® ha risposto all’appello del progetto Cura Italia e ha “curato” diverse iniziative progettuali. I tecnici responsabili hanno messo a punto due strumenti che provengono dalle conoscenze mediche dei fondatori di Cerebro®: i dispositivi generatori di Ozono “Ozon“, per la disinfezione e sanificazione di oggetti e ambienti e il supporto respiratorio CPAP, che consiste nell’erogazione di un flusso d’aria a pressione costante per garantire la corretta ventilazione delle vie aeree.

Condividi