L’Istituto San Celestino è un poliambulatorio riabilitativo che si occupa di ricerca e studio di protocolli individuali nel processo neuroriabilitativo. Nasce e si sviluppa nel 2018 dove un team polispecialistico sanitario inizia a sviluppare il modello “Cerebro”, unico nel suo genere, validato a livello internazionale.

Il modello riabilitativo messo a punto, nasce dalla pratica clinica dei professionisti coinvolti e dalle mancanze/lacune che i percorsi riabilitativi odierni evidenziano. Ad oggi sono molti gli strumenti di indagine strumentale per evidenziare traumi o danni al sistema nervoso centrale, ma pochi quelli che permettono di individuare il piano riabilitativo migliore per ogni singolo paziente. Le strutture che si occupano di riabilitazione, infatti, ancora oggi basano i propri interventi su protocolli standardizzati, mentre poca rilevanza viene data al vissuto del paziente che si reca in struttura per iniziare un protocollo riabilitativo, ai suoi ricordi, alle emozioni attuali e pregresse e allo stile di vita.

Il team dell’Istituto San Celestino invece differenzia il modello riabilitativo procedendo in altra direzione: utilizzando le metodiche più all’avanguardia in ambito clinico e di ricerca, definisce piani riabilitativi ad hoc per ogni paziente, indagando se le aree corrispondenti al danno riportato sono in grado di supportare e sopportare un determinato atto riabilitativo piuttosto che un altro.

Grazie a strumenti di Bio-Neurofeedback e neurofisiologici come la metodica fNIRS, e sulla base delle risposte ottenute da queste indagini, si procede a dirigere il piano riabilitativo completo, le azioni da svolgere e le tempistiche di trattamento. Una volta individuati gli atti riabilitativi più idonei ed efficaci, si predispone un vero e proprio programma che il paziente può seguire nei centri specializzati in Italia.

Cerebro® punta a sviluppare protocolli riabilitativi individualizzati sulla base di questo modello unico e innovativo, e punta a farlo nel suo centro dedicato che, a partire da Aprile 2021, si insidierà nel nuovo distretto dell’innovazione milanese (MIND), l’ex area expo in cui è già riservato uno spazio per l’Unità di Ricerca avanzata della Startup.

Condividi